PROGRAMMA IN DIECI PUNTI DELLA GRANDE UNITÀ DI TUTTA LA NAZIONE
PER LA RIUNIFICAZIONE DEL PAESE

6 aprile 1993

Porre fine a quasi mezzo secolo di divisione e di scontri e riunificare il paese è il desiderio, la richiesta unanime dell’intera nazione. Per la riunificazione indipendente e pacifica del paese, è necessario raggiungere la grande unità di tutta la nazione. Tutti coloro che sono preoccupati per il destino della nazione, siano essi al nord o al sud, all’estero o siano essi comunisti o nazionalisti, ricchi o poveri, atei o credenti, dovranno unirsi come un’unica nazione, indipendentemente dalle differenze, e aprire la strada alla riunificazione nazionale.
I forti diano la loro forza, i colti la loro cultura, i ricchi le loro ricchezze: che tutti diano il loro contributo tangibile alla riunificazione del paese e allo sviluppo e alla prosperità della terra riunificata, per porre fine alla divisione della nazione e ridare dignità e onore a 70 milioni di compatrioti, riuniti, nel mondo.
1. Uno stato unitario, indipendente, pacifico e neutrale: questo dovrà essere fondato attraverso la grande unità di tutta la nazione.
Il nord e il sud dovranno fondare uno stato unitario, pan-nazionale che rappresenti tutti i partiti, le organizzazioni e i membri della nazione di ogni ceto sociale lasciano intatti i due sistemi e i due governi esistenti, Lo stato unificato pan-nazionale dovrà essere uno stato federale, nel quale i due governi regionali del nord e del sud saranno rappresentati in maniera equa; uno stato indipendente, pacifico e non allineato che non si appoggi a nessuna grande potenza.
2. L’unità dovrà basarsi sul patriottismo e sullo spirito dell’indipendenza nazionale.
Tutti i membri della nazione dovranno legare il proprio destino individuale al destino della nazione, amare la propria nazione e unirsi al comune desiderio di difenderne l’indipendenza. Essi dovranno manifestare la dignità e l’orgoglio di essere membri della nostra nazione e rifiutare il servilismo e il nichilismo nazionale che erodono l’indipendenza e la coscienza nazionali.
3. L’unità dovrà essere raggiunta in base al principio di promuovere la coesistenza, la prosperità comune e gli interessi comuni subordinando qualsiasi cosa alla causa della riunificazione nazionale.
Il nord e il sud dovranno riconoscere e rispettare l’esistenza di diverse fedi, idee e sistemi e raggiungere il progresso e la prosperità, senza che una parte prevarichi l’altra. Il nord e il sud dovranno promuovere gli interessi di tutta la nazione anteponendoli agli interessi regionali o di classe, dirigendo ogni sforzo verso il compimento della causa della riunificazione nazionale.
4. Tutte le controversie politiche che fomentano la divisione e lo scontro tra connazionali dovranno cessare mentre dovrà essere raggiunta l’unità.
Il nord ed il sud dovranno astenersi dal cercare o dal fomentare lo scontro, porre fine a tutte le dispute politiche e smetterla di abusare e calunniarsi l’un l’altro. Da connazionali, non dovranno essere ostili tra loro e, attraverso sforzi comuni, dovranno contrastare l’aggressione e le interferenze straniere.
5. La paura dell’invasione dal sud o dal nord e viceversa, e le idee di prevalere sul comunismo e sulla comunizzazione dovranno scomparire, il nord e il sud dovranno avere fiducia l’uno nell’altro e unirsi.
6. Il nord e il sud dovranno valorizzare la democrazia e tendersi la mano sulla strada della riunificazione nazionale, senza respingersi per via delle differenze negli ideali e nei principi.
Il nord e il sud dovranno garantire la libertà di discutere e le attività pro riunificazione non dovranno essere soppresse, essere soggette a rappresaglia, perseguitate e lo stesso vale per gli avversari politici. Nessuno dovrà essere arrestato perché animato da simpatia per il nord o per il sud e dovranno essere liberati e reintegrati tutti i prigionieri politici affinché possano contribuire alla causa della riunificazione nazionale.
7. Sia il nord che il sud dovranno proteggere le risorse materiali e spirituali degli individui e delle organizzazioni e incoraggiarne l’utilizzo per la promozione della grande unità nazionale.
Sia prima che dopo la riunificazione dovranno essere riconosciute le proprietà statali, cooperative e private e dovranno essere tutelati il capitale e le proprietà degli individui e delle organizzazioni, nonché tutti gli interessi riguardanti i capitali stranieri. Il nord e il sud dovranno riconoscere il valore sociale e le qualifiche individuali in ogni campo, inclusi la scienza, l’educazione, la letteratura, le arti, il dibattito pubblico, la stampa, la sanità e lo sport, e continuare a garantire dei benefici a coloro che hanno svolto servizi meritevoli.
8. La comprensione, la fiducia e l’unità dovranno essere costruite in tutta la nazione attraverso il contatto, le visite, il dialogo. Tutti gli ostacoli al contatto e alle visite dovranno essere rimossi e la porta alle visite al nord o al sud essere dovrà aperta a tutti senza esclusioni. Tutti i partiti, le associazioni e le persone di ogni ceto sociale dovranno godere di eguali opportunità nel dialogo che dovrà essere sviluppato sia bilateralmente che multilateralmente.
9. L’intera nazione, sia essa del nord, del sud o all’estero dovrà rafforzare la sua solidarietà per il bene della riunificazione nazionale.
Ciò che è di beneficio alla riunificazione nazionale dovrà essere appoggiato e incoraggiato senza posizioni di parte, mentre le cose dannose dovranno essere respinte, al nord come al sud o all’estero e tutti dovranno collaborare e prestare mutua assistenza oltre il proprio ristretto recinto. Tutti i partiti politici, le organizzazioni e le persone di ogni ceto sociale dovranno allearsi in modo organizzato nel lavoro patriottico per raggiungere la riunificazione nazionale.
10. Coloro che hanno contribuito alla grande unità della nazione e alla causa della riunificazione nazionale dovranno essere onorati.
Dovranno essere garantiti benefici speciali a coloro che hanno compiuto delle azioni per il bene della grande unità della nazione e per la riunificazione del paese, ai patrioti martiri e ai loro discendenti. Se coloro che in passato hanno voltato le spalle alla nazione ritorneranno sulla via del patriottismo, dovranno essere trattati con clemenza e considerati secondo il contributo che hanno dato alla causa della riunificazione nazionale.