LA REPUBBLICA POPOLARE DEMOCRATICA DI COREA È UNO STATO SOCIALISTA
ORIENTATO SUL JUCHÉ E DALLA POTENZA INVINCIBILE

Discorso pubblicato sul Rodong Sinmun,
Organo del Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea,
e sul Minju Joson, Organo del Governo della RPDC
5 settembre Juché 97 (2008)


In questo periodo storico, mentre entriamo nell’età dell’oro della prosperità nazionale sotto la direzione rivoluzionaria del Partito del Lavoro di Corea basata sul Songun, saluteremo il 60° anniversario della fondazione della Repubblica Popolare Democratica di Corea, il glorioso paese di Kim Il Sung.
Il grande leader Kim Il Sung è stato il fondatore della RPDC e padre della Corea socialista ed è il Presidente eterno del nostro Stato. La fondazione della Repubblica sotto la sua direzione ha apportato un cambiamento fondamentale al destino del nostro paese e del suo popolo.
Guidata dalla sua filosofia sull’edificazione dello Stato basata sul Juché1 e sotto la sua esperta e articolata direzione, la nostra Repubblica è stata fondata e si è sviluppata come un vero paese del popolo, come un paese socialista orientato sul Juché, il primo nella storia di questo genere, mentre il nostro popolo, che era stato oppresso e brutalizzato per secoli, ha potuto finalmente godere, nell’abbraccio della Repubblica, dell’orgoglio e della felicità di una vita autentica, in cui esercitare tutti i diritti di artefice dello Stato e della società. Le montagne e i fiumi, che di giorno in giorno diventano più belli, le vaste campagne, le aree urbane e rurali, le strade e i villaggi, le linee di difesa, i posti di prima linea costruiti per essere inespugnabili, e le molte fabbriche, le imprese, gli stabilimenti economici e culturali e le strutture monumentali: tutto porta l’impronta della grandiosa e lodevole direzione del Presidente Kim Il Sung; ogni aspetto della più dignitosa, prestigiosa e soddisfacente vita di cui il nostro popolo gode di generazione in generazione, secolo dopo secolo, è legato ai suoi benevoli, paterni, affetto e premura.
Salutando il 60° anniversario della fondazione della Repubblica, i membri del nostro Partito, i soldati ed il popolo si voltano indietro per ammirare la grande esperienza rivoluzionaria e le immortali imprese rivoluzionarie del Presidente Kim Il Sung, che ha dedicato la sua intera vita al paese e al popolo, e gli tributano la massima gratitudine e gloria. Le imprese immortali, compiute per il paese e per il popolo, costituiscono i capisaldi del nostro paese e della nostra rivoluzione, e sono altresì delle fondamenta irremovibili su cui costruire un grande, prospero e potente paese socialista, su cui portare avanti e realizzare la causa rivoluzionaria del Juché.
Ammirando il Presidente Kim Il Sung e considerandolo il Sole del Juché, sviluppando la sua filosofia e le sue imprese nell’edificazione dello Stato, il nostro Partito sta aprendo la strada verso la costruzione di un paese florido nell’era del Songun2, la strada verso una nuova vittoria della nostra rivoluzione. Grazie alla direzione del nostro Partito e all’avanzamento nella rivoluzione basata sul Songun, la nostra Repubblica è cresciuta, diventando uno Stato socialista orientato sul Juché, politicamente e militarmente invincibile, capace di dimostrare il proprio prestigio e la propria dignità. I membri del nostro Partito, i soldati, il popolo sono adesso fermamente determinati - in risposta alla chiamata del Partito - a onorare questo anno significativo, e a considerarlo un anno di cambiamenti epocali che verrà ricordato nella storia del paese. Essi sono fermamente determinati a portare a termine, sotto la bandiera del Songun, la vittoriosa edificazione di un paese socialista prospero e potente e della causa rivoluzionaria del Juché.


1

L’ormai sessantennale storia della nostra Repubblica è la storia di una grande lotta, uno storia di vittorie, una storia di grandiose creazioni e trasformazioni in cui, fronteggiando la tempesta della rivoluzione sotto la direzione del grande leader e del grande Partito, abbiamo difeso l’indipendenza e l’onore del paese ed è stato edificato un paese socialista vigoroso.
La nostra Repubblica, nell’intero periodo della sua storia, dai primi giorni ad oggi, mentre stiamo costruendo un paese socialista grande, prospero e potente, ha seguito un cammino coperto di gloria e di vittorie, affrontando difficoltà e prove senza precedenti, nel mezzo di un duro scontro con le forze di aggressione imperialiste. La nostra battaglia per costruire un nuovo paese, una nuova società, è stata ardua e determinata, poiché abbiamo dovuto superare ogni genere di avversità. In ogni caso, il nostro paese ha tracciato una via per compiere la causa dell’indipendenza antimperialista, la causa del socialismo, realizzando imprese storiche, immortali, e accumulando enormi esperienze. Grazie a ciò, i sessant’anni di storia della nostra Repubblica brillano di tanto splendore ed il nostro paese socialista, la Corea del Songun, dimostra tanto prestigio e dignità, in quanto bastione dell’indipendenza e baluardo del socialismo.
La lotta rivoluzionaria antigiapponese organizzata e guidata dal grande leader è stata una lotta storica che ha posto le basi per la fondazione della nostra repubblica ed ha inaugurato l’era della costruzione dello Stato socialista.
Sconfiggere gli aggressori imperialisti giapponesi che avevano occupato militarmente il nostro paese, liberare il paese, combattere ferocemente la guerra rivoluzionaria contro le ben equipaggiate forze di aggressione giapponesi è stata una lotta patriottica sacra.
Il grande leader ha guidato la ventennale, sanguinosa lotta contro l’imperialismo giapponese e l’ha coronata con la vittoria, portando così a termine la storica causa della liberazione nazionale. Nel fuoco della lotta rivoluzionaria antigiapponese, egli ha avanzato la politica di costruire un governo del popolo: in questo campo ha accumulato una esperienza notevole ed ha creato le nostre gloriose tradizioni rivoluzionarie che sono l’eterna ricchezza del paese e della rivoluzione.
La lotta del nostro Partito e del nostro popolo per costruire uno Stato indipendente e sovrano sulle terre del nostro paese liberato è stata condotta in condizioni e circostante difficili e complicate. A causa dell’occupazione imperialista statunitense del sud della Corea, il territorio del paese è stato diviso in due parti, così che le forze imperialiste e reazionarie, interne ed estere, ricorsero ad ogni mezzo per ostacolare il nostro Partito ed il nostro popolo nei loro sforzi per costruire un nuovo paese.
Il Presidente Kim Il Sung istituì il potere del popolo e forze armate regolari che ereditarono le tradizioni della rivoluzione antigiapponese e, partecipando all’entusiasmo del popolo liberato e delle altre forze patriottiche, ha posto solide basi su cui edificare uno Stato indipendente e sovrano attraverso riforme democratiche nella parte nord della penisola, vanificando i piano delle forze imperialiste e reazionarie. Su queste basi, egli ha fondato la nostra Repubblica. Egli ha saggiamente guidato il rafforzamento degli organi di potere, sviluppando lo Stato popolare ed il sistema sociale della Repubblica portandone i vantaggi e la vitalità in ogni area della costruzione dello Stato.
La Guerra di Liberazione della Patria contro l’invasione armata degli imperialisti statunitensi è stata la prima e più dura prova affrontata dalla nostra giovane Repubblica: fu una guerra feroce che avrebbe deciso il destino del paese e della nazione. Gli imperialisti statunitensi compirono sforzi disperati per schiacciare la nostra giovanissima Repubblica, scagliando nella guerra una parte enorme del proprio esercito e dei loro 15 stati vassalli, incluse le più moderne attrezzature militari ed altri mezzi di offesa: solo per subire una ignobile sconfitta.
Sotto la direzione di Kim Il Sung, il comandante sempre vittorioso, determinato e brillante, i nostri soldati ed il nostro popolo si batterono come un solo uomo nella Guerra di Liberazione della Patria, con enorme spirito di sacrificio, dando piena dimostrazione del proprio eroismo di massa, al fronte come nelle retrovie. Conseguentemente, hanno sconfitto le forze armate di aggressione statunitensi, che si vantavano in tutto il mondo della propria “superpotenza”. I nostri soldati e il popolo difesero la libertà e l’indipendenza del proprio paese con onore, incoraggiarono i popoli oppressi del mondo nelle loro guerre di liberazione nazionale antimperialista e diedero un enorme contributo alla salvaguardia della pace mondiale. La storica vittoria della nostra Repubblica nella Guerra di Liberazione della Patria è stata una chiara testimonianza di questa potenza invincibile, della forza del nostro Stato e del nostro sistema sociale, della fiducia dell’esercito e del popolo nella vittoria e nel loro instancabile spirito combattivo. Questa vittoria dimostrò anche che nessuna forza può conquistare un popolo che ha preso il proprio destino nelle proprie mani ed è unito solidamente dietro al proprio partito e al proprio leader. Grazie a questa vittoria, in cui venne frantumato il mito secondo cui gli USA fossero “i più forti” e venne inflitta a questi per la prima volta nella storia una sconfitta schiacciante, la nostra Repubblica acquistò una reputazione a livello mondiale di paese eroico, il suo esercito di esercito eroico e il suo popolo di popolo eroico.
La nostra Corea, la terra del Juché, non solo uscì vittoriosa dallo scontro militare con le formidabili forze d’aggressione imperialiste, ma fece miracoli ed enormi innovazioni nella ricostruzione postbellica, nella rivoluzione socialista e nell’edificazione socialista. Partendo da zero, dalle macerie della guerra, abbiamo raggiunto uno sviluppo epocale nella rivoluzione e nell’edificazione socialiste.
Sotto l’esperta direzione del Presidente Kim Il Sung, il nostro paese ha completato la ricostruzione postbellica nel giro di appena pochi anni, ha portato avanti la riorganizzazione cooperativa dell’economia rurale e la trasformazione socialista dell’industria e del commercio privati in stile perfettamente coreano, senza alcuna deviazione. Rispondendo alla chiamata del leader, il nostro popolo ha intrapreso la grandiosa marcia Chollima3 con lo spirito di compiere dieci o cento passi mentre altri ne fanno uno, mettendo così in pratica una grande ondata rivoluzionaria senza precedenti nella costruzione socialista. Attraverso la gigantesca lotta per creare ed edificare il socialismo, il nostro paese, che era rimasto per secoli nell’arretratezza, è risultato essere il paese socialista incentrato sul popolo più avanzato e potente, una potenza socialista, indipendente in politica, autonomo nell’economia e autosufficiente nella difesa, un paese chiamato Corea di Chollima, un modello per i paesi socialisti di ogni parte del mondo.
L’era del Songun, una nuova era nella rivoluzione del Juché, occupa una posizione speciale nella storia del nostro paese e della rivoluzione. Questa è una grande era della causa rivoluzionaria del Juché in cui le idee, la direzione e la causa del Presidente Kim Il Sung sono ereditate e portate avanti. Questa nuova era è un nuovo, più alto stadio nello sviluppo del nostro paese e della rivoluzione.
Tempo fa, il nostro Partito propose di modellare l’intera società sull’idea del Juché come programma fondamentale e questa è stata la linea principale seguendo la quale sono stati costruiti il Partito, lo Stato e l’esercito, in accordo con la nobile idea del Presidente Kim Il Sung. Il Partito ha concentrato tutti i suoi sforzi per sviluppare sé stesso, lo Stato e l’esercito nel Partito, nello Stato e nell’esercito del leader e per plasmare l’uomo e trasformare la società e la natura come richiesto dall’idea rivoluzionaria del leader, l’idea del Juché, ponendo in questo modo solide basi per far avanzare la causa di modellare l’intera società sull’idea del Juché.
Negli anni ’90 del secolo scorso, la situazione cambiò improvvisamente e dure prove e difficoltà, senza precedenti nella storia, si abbatterono sul cammino del nostro paese e della rivoluzione. Approfittando del collasso del socialismo in alcuni paesi, gli imperialisti e i reazionari proclamavano la “fine del socialismo”, indirizzando i loro attacchi principalmente contro la nostra Repubblica, che teneva come sempre alta la bandiera del socialismo. Le loro manovre anti-RPDC e antisocialiste misero a repentaglio la sovranità e il diritto di esistere del nostro paese e della nostra nazione; il nostro paese fu trasformato in un teatro dove aveva luogo il più feroce scontro tra socialismo e imperialismo ed il nostro popolo si ritrovò ad un bivio: da una parte, sarebbe restato un popolo indipendente; dall’altra, sarebbe diventato nuovamente schiavo come all’epoca coloniale.
Per superare la situazione predominante in quel contesto, il nostro Partito ha alzato in alto la bandiera del Songun, sotto la quale ha sconfitto ogni piano degli imperialisti e dei reazionari contro la RPDC e contro il socialismo per mezzo della nostra invincibile forza politica e militare, salvaguardando così con onore la sovranità del paese, della nazione e il nostro stile di socialismo. Aver difeso sé stesso, la propria nazione ed il suo socialismo, da solo, nello scontro con i reazionari imperialisti guidati dagli USA è stata, per il nostro piccolo paese, una grande vittoria di rilevanza internazionale. Senza sparare un colpo, il nostro paese ha registrato una vittoria dopo l’altra nel confronto politico e militare con gli imperialisti statunitensi, smascherando e schiacciando le mosse aggressive di un nemico che in ogni parte del mondo si è comportato in maniera arbitraria e tirannica. Questi successi della nostra rivoluzione basata sul Songun sono letteralmente un miracolo.
Nonostante le dure prove affrontate nella lotta in difesa del socialismo, abbiamo raggiunto uno sviluppo enorme in tutte le sfere della politica, del settore militare, dell’economia e della cultura. Grazie alla direzione rivoluzionaria del Partito basata sul Songun, il nostro paese è giunto ad occupare la posizione di potenza politico-ideologica e militare, ha preparato la strada per per costruire una grande, prospera e potente nazione e ha portato con sé una nuova svolta nella rivoluzione e nella costruzione. Ormai la nostra Repubblica ha messo al sicuro una fondamentale garanzia per costruire un grande, prospero e potente paese socialista e per realizzare la causa rivoluzionaria del Juché, e sta avanzando nella marcia della rivoluzione del Songun per trasformare il paese in una potenza economica.
La Corea socialista, che sta realizzando numerose vittorie e sta mostrando la sua forza per mezzo del Songun, è diventata un faro di speranza ed una bandiera di vittoria per i popoli del mondo che aspirano all’indipendenza.
La sessantennale storia attraversata dalla Repubblica sotto la direzione del Presidente Kim Il Sung e del nostro Partito infonde nel nostro popolo l’orgoglio più profondo, assieme alla fiducia, e rafforza la sua fede nella sicura vittoria. Il nostro esercito ed il nostro popolo stimano il proprio paese socialista orientato sul Juché più della propria vita, lo amano infinitamente e lavorano con più vigore per difendere e dare lustro alla madre patria.


2

Un grande leader e un grande partito costruiscono una grande nazione. Se un leader e un partito sono grandi, il loro paese, anche se piccolo o arretrato, può diventare un paese sviluppato, dignitoso e potente.
La grandezza di un leader e di un partito è precisamente la grandezza della loro ideologia e della loro direzione. La nostra Repubblica è cresciuta diventando un invincibile Stato socialista orientato sul Juché poiché è guidato appunto dall’idea del Juché creata dal grande leader e perché essa incarna pienamente questa idea nella costruzione dello Stato e nelle attività dello stesso sotto la direzione del nostro Partito.
L’immortale idea del Juché è una visione del mondo incentrata sull’uomo ed è una ideologia di indipendenza; essa è una grande ideologia guida della nostra era che illumina la via della lotta e della realizzazione dell’indipendenza delle masse, di un paese e di una nazione. La nostra Repubblica, che incarna la grande idea del Juché nella costruzione dello Stato e in ogni sua attività, è un paese socialista incentrato sul popolo, in cui il popolo è considerato come un dio; la nostra Repubblica è uno Stato socialista indipendente con una forte identità nazionale ed un forte carattere di tipo Juché. Essa è una invincibile potenza socialista che prevale su ogni nemico, per quanto formidabile, e supera ogni genere di prove e difficoltà per mezzo del Songun.
La nostra Repubblica è un autentico paese del popolo, uno Stato socialista incentrato sul popolo che considera le masse popolari i veri artefici dello Stato e della società, a le serve.
Anche se le masse popolari sono la forza che guida la storia sociale, non è corretto dire che la loro posizione e il loro ruolo sono sempre identici, in ogni società e in ogni paese. Mai, in precedenza, è esistito un paese come la nostra Repubblica che garantisce alle masse la posizione e il ruolo al livello più alto, assumendo in pieno la dottrina “Il popolo è il mio dio”, che era il motto del Presidente Kim Il Sung. Questa filosofia è permeata dal nobile amore per il popolo, espresso nel considerare le masse popolari come quanto di più prezioso e potente al mondo, nel servirle fedelmente e risolvendo ogni cosa contando su di esse.
Il motto “Il popolo è il mio dio” è il principio fondamentale che guida il nostro Partito nella costruzione dello Stato, è alla base di tutte le sue politiche ed è il punto di partenza delle attività dello Stato. Qualsiasi cosa, nella nostra Repubblica (il sistema socialista dello Stato e della società, la Costituzione Socialista e le altre leggi dello Stato, così come le linee guida, le politiche e le attività del Partito e dello Stato) è finalizzata a difendere e assicurare i diritti di indipendenza e gli interessi delle masse. La base del socialismo è il popolo. La nostra politica, che considera gli interessi popolari la principale preoccupazione, è una politica autenticamente socialista. Ogni scelta, ogni politica del nostro Partito e del governo della nostra Repubblica riflette le opinioni e le richieste delle masse e viene implementata con successo con il volontario entusiasmo e con la lotta delle masse. Nel nostro paese, promuovere il benessere del popolo è il principio supremo che anima le attività del Partito e dello Stato, lo slogan “Serviamo il popolo!” è pienamente incarnato nelle attività dello Stato, e violare o manipolare gli interessi popolari per mano dell’autorità o di atteggiamenti burocratici non viene assolutamente tollerato. Dato che le masse popolari sono considerate la cosa più importante, lo Stato, l’esercito, gli organi di pubblica sicurezza, molti edifici monumentali e vari titoli onorifici portano la dicitura “popolo”, o “popolare”: ciò è un simbolo significativo del carattere popolare del nostro Stato, del nostro sistema e della nostra politica.
Il nostro popolo, che detiene la posizione di artefice dello Stato e della società all’interno del nostro paese socialista incentrato sul popolo, gode di una vita lodevole, appagante, e di conseguenza esegue le proprie responsabilità come si addice a tale ruolo. Ogni cittadino prende parte all’esercizio del potere statale e all'amministrazione con eguali diritti e conduce una preziosa vita politica in una determinata organizzazione politica. Lo Stato si prende carico del sostentamento del popolo; tutto il popolo ha diritto di studiare quanto vuole, curare la propria salute e godere di una vita culturale rivoluzionaria e di divertirsi, con ottimismo, grazie al nostro sistema di libera educazione, di cure mediche gratuite e di altre politiche incentrate sul popolo. Attualmente il nostro Partito e il nostro Stato, nonostante la tesa circostanza per cui ogni cosa è reperibile solo in piccole forniture, stanno concentrando tutto i loro sforzi per stabilizzare e accrescere i mezzi di sostentamento del popolo, sui quali stanno focalizzando l’attenzione, avanzando verso la costruzione di un paese socialista economicamente potente per assicurarsi che nel prossimo futuro il nostro popolo viva una vita ricca, senza alcun motivo di invidia per nessun altro al mondo. La vita indipendente e creativa di cui il nostro popolo gode nella Repubblica è una vita autenticamente umana, dignitosa, lodevole e felice, inimmaginabile nella società capitalista.
Il nostro Partito e la nostra Repubblica guidano il popolo e ne hanno cura con amore e fiducia, ed il loro abbraccio è la culla della vita autentica e della felicità del popolo. Per questa ragione, il nostro popolo ha sacrificato sé stesso nella difesa del proprio paese, della propria patria, e, fermamente unito attorno al Partito, ha ingaggiato una lotta eroica per la sua prosperità credendo senza esitare nel Partito e nel governo della Repubblica, seguendoli sia nei giorni gloriosi, che nei giorni delle prove più dure.
La leale, compatta unità dell’intera società costituisce un risultato dal valore incalcolabile nella costruzione dello Stato, che avrebbe potuto essere raggiunto solo dal nostro paese socialista sotto la direzione del Presidente Kim Il Sung, il quale ha profuso amore e fiducia nel popolo e nel nostro Partito, che oggi fedelmente portano avanti le sue idee e la sua volontà. Questa è l’orgogliosa immagine della nostra società, che non ha paragoni al mondo.
La leale unità del leader, del Partito e delle masse è stata creata e si è sviluppata nonostante le circostanze spesso difficili, basandoci sui legami di cameratismo rivoluzionario, sugli indistruttibili legami di sangue grazie ai quali il Partito e il leader prendono cura del popolo il quale con assoluta fiducia appoggia il Partito e il leader. In questo modo, l’intera società si è trasformata in una grande, armoniosa famiglia in cui i membri si aiutano l’un l’altro. Oggi, la nostra leale, compatta unità è stata maggiormente rafforzata: l’intero Partito, l’intero esercito e tutto il popolo sono un’unica roccia, che ha al centro la direzione rivoluzionaria e che è basata su una ideologia, sulla fiducia, sull’amore tra i compagni e sul dovere rivoluzionario. Nessuna forza può rompere questa unità. La nostra leale unità è la garanzia fondamentale della forza del sistema socialista e della stabilità sociale nel nostro paese, la fonte inesauribile dell’invincibile potere della nostra patria socialista e la potente forza che guida l’avanzata della rivoluzione e della costruzione della nazione prospera.
Gli imperialisti statunitensi temono la l’unità raggiunta dal nostro esercito e dal nostro popolo attorno al Partito, e ricorrono a ogni possibile macchinazione per spezzarla. Mentre persistono con le loro aggressive manovre militari, gli imperialisti statunitensi e i loro accoliti tentano di diffamarci con lo spauracchio dei “diritti umani”, della “democrazia”, ma si tratta di tempo sprecato. La “difesa dei diritti umani” e della “democrazia” evocata dai reazionari imperialisti non è nient’altro che un sofisma per mascherare la loro ingerenza e le mosse di egemonia contro gli altri paesi. Diffamare con sofismi improbabili la nostra Repubblica, la patria del popolo e la nostra società lealmente compatta, è una ridicolaggine; serve solamente a scatenare l’indignazione unanime del nostro popolo, e non sarà mai tollerato.
Questo paese dal grande popolo, questo socialismo incentrato sul popolo e in stile coreano, che gode dell’appoggio assoluto, della fiducia, e dell’ardente amore delle masse, aggiungerà per sempre lustro alla sua nobile immagine e dignità, superando ogni genere di prova.
La nostra Repubblica è uno Stato socialista indipendente che mantiene fermamente il suo carattere di tipo Juché e preserva, nel suo sviluppo e nelle sue attività, a sua identità nazionale.
Il carattere Juché e l’identità nazionale sono l’indipendenza e l’ancora di salvataggio di un paese, di una nazione e delle masse popolari. La lotta delle masse per l’indipendenza è affrontata unitamente dal paese e dalla nazione, così il partito, il governo e le masse di ogni paese dovrebbero condurre la rivoluzione e la costruzione indipendentemente e creativamente, da artefici di esse. Solo restando ancorati al carattere Juché, all’identità nazionale e mantenendo la linea di indipendenza nella rivoluzione e nella costruzione si possono difendere la sovranità del paese e della nazione, garantirne lo sviluppo indipendente e realizzare con successo l’indipendenza delle masse.
Avendo avanzato queste idee originali sul carattere di tipo Juché, sull’identità nazionale e sulla linea d’indipendenza per la prima volta nella storia, il Presidente Kim Il Sung ha tracciato la via per lo sviluppo indipendente della rivoluzione coreana ed ha garantito, per mezzo della sua ferrea fiducia e volontà e della sua esperta direzione, che il principio del Juché, la linea di indipendenza, venisse coerentemente mantenuto nella rivoluzione e nella costruzione. Conformemente a questa idea di costruzione dello Stato, il nostro Partito e il nostro Stato hanno considerato di preservare il carattere Juché, l’identità nazionale e la linea di indipendenza in quanto principio fondamentale per compiere la causa di indipendenza delle masse, la causa del socialismo, aderendo strettamente ad esso, e così hanno fatto diventare il nostro paese un paese indipendente, prestigioso e altamente dignitoso, uno Stato socialista che incarna il nobile amore per il popolo e la nazione.
Abbiamo risolto tutti i problemi relativi alla costruzione, alla rivoluzione e alle attività dello Stato con i nostro propri sforzi e a modo nostro, seguendo il principio dell’autosufficienza, in conformità con la nostra ideologia e lealtà, con la nostra determinazione e la nostra volontà, conformemente con l’attuale situazione del nostro paese, e in linea con gli interessi della nostra rivoluzione. Restando fedeli al principio del Juché, il principio di indipendenza, in tutti i campi della politica, dell’economia, degli affari militari, della cultura e delle relazioni estere, ci siamo risolutamente opposti al timore delle grandi potenze, al dogmatismo e a tutte le altre idee che evocassero la dipendenza dalle forze straniere, e abbiamo rigettato categoricamente ogni forma di ingerenza e pressione dai reazionari imperialisti e da altre forze straniere. Inoltre, svolgiamo ogni cosa che decidiamo e vogliamo fare seguendo la nostra propria ideologia, le nostre proprie richieste e i nostri propri interessi, senza badare alle teorie o alle formule già esistenti e a quanto dicono gli altri. Il nostro Partito già molto tempo fa avanzò lo slogan: “Viviamo a modo nostro!”; questo è il Juché, indipendenza e autosufficienza, qui risiedono la nostra dignità, il nostro orgoglio e il nostro onore.
Partendo dal Juché, il Presidente Kim Il Sung ha gettato una nuova, scientifica luce sull’essenza della questione della nazione, della posizione di questa, e del suo ruolo nello sviluppo sociale e su questi presupposti ha collegato il carattere di classe con l’identità nazionale, il destino del socialismo con il destino della nazione; in questo modo, egli ha reso possibile preservare il carattere nazionale nella rivoluzione e nella costruzione, mantenendo il carattere di classe, aprendo altresì la vista al raggiungimento della prosperità nazionale avanzando la causa socialista.
Il nostro Partito e lo Stato tengono in gran conto e preservano, nella rivoluzione e nella costruzione, l’identità della nazione in tutti i campi della vita sociale, in linea con l’idea e la teoria orientate sul Juché del Presidente Kim Il Sung circa la questione nazionale. Poiché ogni individuo è membro di una classe e allo stesso tempo è membro di una nazione, assieme all’identità nazionale incarna anche un carattere di classe ed ha delle esigenze legate alla sfera nazionale, assieme a quelle di classe. Se l’identità nazionale e le esigenze legate alla questione nazionale vengono trascurate o stroncate, sarà impossibile organizzare gli ampi settori delle masse e delle altre forze patriottiche, costruire uno Stato autenticamente indipendente e sovrano, o realizzare con successo la causa dell’indipendenza delle masse, la causa del socialismo.
La nostra è una nazione orgogliosa, con 5.000 anni di storia ed una cultura brillante. Nell’identità nazionale del nostro popolo ci sono capacità di iniziativa, talento, carattere fermo, spirito patriottico e tradizioni culturali. Il nostro Partito e lo Stato hanno fatto della valorizzazione e della preservazione delle eccellenti e meravigliose tradizioni della nostra nazione una politica rilevante, e l’hanno messa in atto completamente. Mentre preserviamo le eccellenti caratteristiche della nostra nazione, che si sono tramandate attraverso la storia, ne stiamo creando di nuove, in accordo con l’avanzamento dei tempi e della rivoluzione; sulla base di questo, educhiamo il popolo allo spirito di dare priorità alla nazione coreana, lo spirito che insegna che il nostro leader, il nostro Partito, la nostra ideologia e il nostro sistema sono i migliori e aggiunge lucentezza alla grandezza della nostra nazione.
La causa socialista del Juché è la causa della realizzazione dell’indipendenza della classe operaia, delle altre masse lavoratrici ed è allo stesso tempo una causa che garantisce l’indipendenza del paese e della nazione, che porta al raggiungimento della prosperità nazionale. Incrementando la costruzione socialista, il nostro Partito e il nostro Stato hanno arricchito le eccellenti qualità della nazione e hanno aggiunto un nuovo capitolo di prosperità nazionale alla storia.
Poiché noi abbiamo correttamente mantenuto il carattere Juché e preservato l’identità nazionale della rivoluzione e della costruzione sotto la direzione del grande leader e del grande Partito, nessuna forma di ingerenza o pressione dai reazionari imperialisti potrà spuntarla con noi; nessun moderno revisionismo o altre tendenze ideologiche opportunistiche potranno fare breccia nel nostro paese, mentre il nostro popolo ha raggiunto un alto livello di orgoglio nazionale, fiducia in sé, coscienza dell’indipendenza nazionale e rispetto e dà piena voce allo spirito del patriottismo socialista. La nostra Repubblica, che si è sviluppata sotto la bandiera dell’idea del Juché, sta dimostrando il suo orgoglio di paese socialista incentrato sul popolo che incarna completamente i principi di classe e rivoluzionari e, allo stesso tempo, di Stato socialista, indipendente, autosufficiente nella difesa, forte nel carattere Juché e nell’identità nazionale, patria autentica di tutta la nazione. La nostra patria socialista orientata sul Juché è rimasta fermamente in piedi in mezzo ai cataclismi politici che hanno scosso il mondo e conquisterà vittoria dopo vittoria seguendo la via dello sviluppo, la via del Juché, per sempre.
I reazionari imperialisti stanno calunniando la nostra Repubblica, la patria del Juché, asserendo che essa è “chiusa”, “isolata”, e stanno mettendo in atto futili tentativi per condurci verso “riforme” e “aperture”. Il nostro paese non ha mai chiuso le sue porte e mantiene buone relazioni con molti paesi, e attraverso questi con milioni di persone in tutto il mondo, basandoci sul principio del rispetto reciproco. Per quanto riguarda le riforme, abbiamo riformato l’ormai superato sistema sociale in senso rivoluzionario decenni fa, e abbiamo costantemente rinnovato e rinnoviamo ciò che a mano a mano diventava e diventa vecchio e superato. In realtà, gli imperialisti e i reazionari sono ostili verso il nostro paese, ci stanno imponendo dei blocchi e tentano di isolarci. Le “riforme” e le “aperture” di cui parlano rappresentano una mossa per distruggere e abbattere il nostro stile di socialismo. Tali mosse avranno solo l’effetto di peggiorare le loro relazioni con noi, e sono destinate al fallimento.
La nostra Repubblica è una potenza socialista invincibile che dimostra la sua dignità per mezzo del Songun.
La storia delle attività rivoluzionare del Presidente Kim Il Sung e del nostro partito è la storia della direzione rivoluzionaria basata sul Songun: ostentando la loro invincibile potenza sotto la bandiera del Songun, il nostro paese e la nostra rivoluzione hanno percorso una strada lastricata di vittoria e gloria. Il Presidente Kim Il Sung liberò il paese per mezzo del Songun, e ne ha garantito la sovranità, l’indipendenza e la prosperità con la forza delle armi. Conformemente alla sua idea del Songun e alla sua linea, il Partito, da molto tempo, ha compreso il ruolo chiave degli affari militari ed ha concentrati i propri sforzi sul rafforzamento delle forze armate rivoluzionare dal punto di vista politico, ideologico, militare e tecnico, ponendo così solide basi per portare la direzione rivoluzionaria basata sul Songun ad nuovo, più alto stadio.
La linea rivoluzionaria basata sul Songun, la politica del Songun, che il Partito sta attualmente mettendo in pratica, è una grande linea rivoluzionaria della nostra era, alla base della politica socialista, che dà la massima priorità agli affari militari su tutti gli altri affari dello Stato; è una linea politica rivoluzionaria che salvaguarda il paese, la rivoluzione, il socialismo, rafforzando al massimo l’Esercito Popolare di Corea, che accresce la forza guida della rivoluzione e spinge in avanti l’edificazione socialista con al centro l’esercito, in quanto forza principale. Per quanto riguarda il sistema di amministrazione dello Stato, abbiamo assicurato che l’autorità della Commissione di Difesa Nazionale venisse rafforzata ed è stato introdotto un sistema per cui la Commissione guida e amministra complessivamente gli affari della difesa, in modo che tutto il lavoro nella rivoluzione e nella costruzione venisse condotto strettamente sul principio di dare la priorità agli affari militari. La nostra politica del Songun, avendo le radici nell’idea del Juché, incarnando e inglobando completamente i principi orientati sul Juché, la strategia e la tattica della rivoluzioni, i suoi metodi e l’arte della direzione, è una bandiera sempre vittoriosa del nostro paese e della nostra rivoluzione, è una spada onnipotente nella rivoluzione e nella costruzione.
La forza suprema di una nazione sta nella sua potenza militare. La nostra lotta antimperialista e antistatunitense è duramente condotta su tutti i fronti della politica, sul fronte militare, sul fronte dell’economia, dell’ideologia e della cultura, ma il fronte principale che decide il destino del paese e della nazione è il fronte militare antimperialista. Lo scontro con le forze di aggressione imperialiste è, essenzialmente, una resa dei conti di forza, poiché solo la forza può avere senso contro gli imperialisti. Senza la nostra propria forza, la nostra propria potenza militare di autodifesa, non potremmo mai vincere lo scontro con gli imperialisti, né difendere il Partito e lo Stato, neppure garantire la sicurezza del popolo. Questa è la nuda realtà di oggi.
Per mezzo della sua direzione rivoluzionaria basata sul Songun, la politica del Songun, il nostro Partito ha rafforzato e sviluppato l’Esercito Popolare di Corea nell’esercito del Partito e del leader, nelle invincibili forze armate rivoluzionarie, di nome e di fatto. Il sistema di direzione monolitica del Partito, il sistema di comando del Comandante Supremo e le caratteristiche militari rivoluzionarie sono state fermamente introdotte nell’Esercito Popolare e l’intero esercito (dal Comandante Supremo fino ai ranghi e alle file) forma adesso un tutt’uno, basato sul cameratismo rivoluzionario. Tutti gli uomini, gli ufficiali dell’Esercito Popolare, nutrendo una indistruttibile ideologia e fiducia, costituiscono una forza armata invincibile che ha acquisito una vera maestria nel nostro stile strategico e tattico, ed è equipaggiata con attrezzature moderne. La nostra industria di difesa orientata sul Juché è diventata capace di produrre ogni tipo di armamento e mezzo militare potente e avanzato, mentre lo spirito di dare importanza agli affari militari è stato introdotto in tutta la società col risultato che il lavoro di armare tutto il popolo e fortificare l’intero paese sta procedendo verso una fase più alta.
Grazie alla politica del Songun, la nostra Repubblica ha frustrato ogni tentativo dei reazionari imperialisti e tutti i loro piani che volevano isolarla e soffocarla. Essa ha dimostrato al mondo la sua invincibile potenza militare ed il nostro paese socialista, la Corea del Songun, è arrivata ad essere una potenza militare mondiale che nessun nemico osa attaccare.
Come risultato della direzione rivoluzionaria basata sul Songun, la politica del Songun, del nostro Partito, la posizione politico-ideologica della nostra Repubblica è solida come una roccia, e grandi progressi sono stati fatti sul piano economico e culturale. Sulla strada del Songun il nostro esercito e il nostro popolo hanno raggiunto una grande unità (unità di ideologia e di stile di lavoro sul modello dello spirito rivoluzionario e dello stile di lavoro dei soldati) e la forza politico-ideologica del paese e della rivoluzione è stata accresciuta senza paragone. Sotto la direzione del Partito basata sul Songun l’esercito e il popolo hanno svolto tutti i loro compiti nella costruzione socialista in maniera rivoluzionaria e militante, formando un tutt’uno, ed in questo modo hanno implementato grandi progetti per trasformare l’aspetto del paese, per costruire numerose strutture monumentali, per sviluppare le scienze e la tecnologia a grandi passi, e infine inaugurare una nuova età dell’oro per le arti e la cultura dell’era del Songun.
Grazie alla nostra politica di riunificazione nazionale basata sul Songun e agli sforzi collettivi della nazione sono state adottate e rese pubbliche la Dichiarazione Congiunta Nord-Sud del 15 Giugno (2000) la Dichiarazione del 4 Ottobre (2007): e ciò ha aperto una fase epocale per la riunificazione del paese. Lo spirito nazionale per riunificare il paese in modo indipendente è arrivato, al nord, al sud, come all’estero, ad un livello senza precedenti e il movimento per la riunificazione nazionale si sta sviluppando come un movimento su scala nazionale sotto la bandiera “dalla nostra nazione stessa”4.
La nostra politica del Songun, che fronteggia le politiche di invasione e di guerra degli imperialisti e si adopera per l’indipendenza del paese e della nazione, riscuote grandi simpatie tra i popoli progressisti di tutto il mondo e contribuisce grandemente alla pace globale e alla causa d’indipendenza dell’umanità. La nostra politica del Songun e la nostra politica estera indipendente hanno accresciuto il prestigio e l’influenza della nostra Repubblica ad un livello senza precedenti nell’arena internazionale e questo ha anche reso possibile sviluppare rapidamente le sue relazioni estere.
Sotto la direzione del Presidente Kim Il Sung e del nostro Partito, la Repubblica Popolare Democratica di Corea è stata costruita e sviluppata diventando uno Stato socialista dalla forza invincibile ed ha ottenuto vittorie e trasformazioni sorprendenti, superando ogni genere di storiche sfide. Il glorioso paese di Kim Il Sung, la Corea socialista, che brilla luminosa grazie al Juché e al Songun, mostra la sua potenza di grande paese socialista e per questo è amata e portata in alto dal nostro popolo che la considera la propria grande madrepatria. Il nostro paese è considerato da tutti i coreani l'orgoglio e l’onore di tutta la nazione, la fortezza della riunificazione nazionale, e attrae l’attenzione e l’ammirazione dei popoli di tutto il mondo.


3

La nostra Repubblica ha percorso un lungo, lungo sentiero rivoluzionario sotto la bandiera spiegata dell’idea del Juché, la bandiera del Songun, ma la nostra rivoluzione non è ancora completata. Dobbiamo costruire su queste terre un paese socialista grande, prospero e potente, e dobbiamo realizzare la causa della riunificazione nazionale attraverso la grande unità di tutta la nazione. Dobbiamo fare sforzi concreti, spalla a spalla con tutti i paesi e i popoli progressisti che aspirano all’indipendenza, per difendere la pace mondiale e realizzare la causa dell’indipendenza dell’umanità.
La costruzione di uno stato socialista prospero e potente secondo il desiderio del Presidente Kim Il Sung è un sacro dovere che il nostro Partito e il nostro Stato hanno assunto di fronte ai tempi e alla rivoluzione. Sotto la direzione rivoluzionaria del Partito basata sul Songun, tutto il Partito, l’esercito e il popolo, con ferma fiducia nella vittoria, hanno fatto avanzare vigorosamente la marcia della rivoluzione del Songun verso la costruzione di un paese grande, prospero e potente.
Noi dobbiamo, prima di tutto, incrementare la posizione ideologica e politica del nostro paese socialista.
La forza del socialismo sta nella sua forza politica e ideologica. Consolidare la posizione politica e ideologica del paese socialista è essenziale per costruire un paese grande, prospero e potente. Assieme allo sviluppo della rivoluzione e della costruzione, dobbiamo condurre un fattivo lavoro ideologico così da far mostrare al massimo l’inesauribile forza spirituale dei nostri soldati e del popolo, e dare il massimo risalto alla dignità della Corea socialista in quanto potenza politica e ideologica.
Dobbiamo intensificare l’educazione dell’idea del Juché, del Songun, tra i quadri e i membri del Partito e tra i lavoratori affinché possano lavorare e vivere in modo rivoluzionario e militante come si addice a al popolo rivoluzionario della nuova era della rivoluzione orientata sul Juché, l’era del Songun. Dobbiamo dare loro una profonda educazione effettivamente di classe, rivoluzionaria e socialista per assicurare che siano permeati di consapevolezza altamente di classe e rivoluzionaria, di ferma convinzione nel socialismo e di spirito di patriottismo socialista.
Dobbiamo consolidare la leale unità dei ranghi rivoluzionari, che diventino come l’acciaio. Il nucleo della nostra leale unità è la direzione della rivoluzione. Tutti i quadri, i membri del partito, i soldati e il popolo devono difendere politicamente e ideologicamente la direzione della rivoluzione, anche a costo della stessa vita, nello spirito di sfidare anche la morte in difesa del leader. Tutti gli uomini e gli ufficiali dell’Esercito Popolare e il popolo intero devono unirsi ancor più al nostro Partito, nell’ideologia e nella fiducia, nella moralità, negli obblighi, e appoggiare lealmente le sue idee e la sua guida.
Questa leale unità è il fondamento della nostra rivoluzione, mentre il sentimento del popolo è il fondamento della nostra leale unità. Dobbiamo comprendere pienamente il sentimento popolare, e lavorare effettivamente col popolo per rafforzare costantemente questa leale unità dei ranghi rivoluzionari.
Dobbiamo rimanere vigilanti nei confronti dei tentativi del nemico di mandare in frantumi la nostra posizione politica e ideologica e di minare la nostra unità. Dobbiamo affrontarli con risolutezza. Dobbiamo ingaggiare una strenua lotta per sconfiggere le manovre degli imperialisti e dei reazionari di infiltrarci ideologicamente e politicamente e per sconfiggere la loro calunniosa campagna psicologica contro di noi, Dobbiamo intensificare la nostra campagna ideologica per prevenire che ogni elemento dell’ideologia borghese, anche se insignificante, possa essere infiltrato nel nostro paese.
Dobbiamo continuare, sotto la bandiera del Songun, a investire grandi sforzi nel rafforzamento delle capacità di difesa del paese. Le capacità di difesa rappresentano la sovranità della Corea del Songun, il suo diritto ad esistere, la sua autorità, la sua dignità ed il suo destino. Solo rafforzando continuamente le nostre capacità difensive possiamo difendere la sicurezza del paese e del popolo e fornire la garanzia militare, decisiva per costruire un grande, prospero e potente paese socialista.
L’Esercito Popolare è la forza principale della nostra rivoluzione ed è il nucleo della nostra difesa nazionale. Nella nostra politica del Songun, agli affari militari viene data la massima priorità e per questo l’elemento chiave è accrescere l’esercito Popolare.
La cosa più importante nel rafforzamento dell’Esercito Popolare è instaurare completamente nell’esercito il sistema di direzione monolitica del Comandante Supremo, il suo sistema di comando. Tutto l’esercito deve sostenere lealmente le idee e la guida del suo Comandante Supremo, condividerne il destino e muoversi all’unisono ai suoi ordini e alle sue direttive.
Dobbiamo incrementare la preparazione politica, ideologica, militare e tecnica dell’Esercito Popolare. L’Esercito Popolare deve intensificare il lavoro politico del Partito per assicurarsi che tutti i soldati acquisiscano i tratti politici e ideologici che si addicono all’esercito, al Partito e al leader, all’esercito del Comandante Supremo, e deve dare il massimo risalto ai tratti di unità tra gli uomini e gli ufficiali, basati sul cameratismo rivoluzionario. I soldati e il popolo devono condividere la vita e la morte sulla via del Songun sotto la leadership del Partito, e consolidare la loro grande unità. Adempiendo alla politica del Partito sull’addestramento, tutti i soldati devono addestrarsi affinché ognuno di loro valga come cento combattenti, versati nelle nostre determinate strategie, nella nostra tattica, nell’arte della guerra e capaci di applicarle in combattimento. Gli armamenti e tutto l’equipaggiamento dell’Esercito Popolare devono essere costantemente aggiornati, in base alle più recenti scienze e tecnologie. I soldati e gli ufficiali dell’esercito Popolare, perfettamente consci dell’importanza del compito da loro assunto di fronte al Partito, alla rivoluzione, al paese e al popolo, devono rendere le linee difensive del paese imprendibili ed avere un ruolo d’avanguardia nell’edificazione socialista.
Bisogna creare un clima in cui agli affari militari sia data importanza in tutta la società, così che tutto il popolo debba imparare seriamente gli affari militari e il Partito, tutto il paese e il popolo possano essere preparati a intervenire in ogni emergenza e, costruendo difese sempre più forti, trasformare il paese in una fortezza inespugnabile.
Dobbiamo trasformare il nostro paese in uno Stato economicamente potente incrementando la costruzione economica socialista.
Oggi la costruzione economica è all’avanguardia nell’edificazione della grande, prospera e potente nazione. Solo trasformando il nostro paese in una potenza economica socialista accelerando la costruzione economica possiamo rafforzare ulteriormente la potenza politica e militare della Corea del Songun, renderla ricca, forte, ed incrementare radicalmente lo standard di vita del popolo. Ci siamo dati l’ambizioso obiettivo di aprire le porte ad un grande, prospero e potente paese per il 2012, quando celebreremo il centenario della nascita del Presidente Kim Il Sung. Se vogliamo raggiungere questo scopo, dobbiamo realizzare una nuova svolta rivoluzionaria nella costruzione economica socialista e rafforzare così la potenza economica del paese e risolvere una volta per tutte la questione del tenore di vita del popolo. Tutto il Partito, l’intero paese e tutto il popolo devono prepararsi per lanciare una offensiva generale per la costruzione economica.
Al fine di realizzare una svolta rivoluzionaria nella costruzione economica, dobbiamo implementare in pieno la linea di costruzione economica per l’era del Songun avanzata dal Partito. Come richiesto da questa linea, dobbiamo dare la priorità allo sviluppo dell’industria difensiva e sviluppare simultaneamente l’industria leggera e l’agricoltura per effettuare una drastica svolta nello sviluppo dello standard di vita del popolo. Dare precedenza ai settori di avanguardia dell’economia nazionale, ai settori industriali di base, è la chiave per lo sviluppo dell’industria di difesa, dell’industria leggera e dell’agricoltura, rapidamente e simultaneamente. A livello nazionale, i nostri sforzi vanno concentrati su questi settori così come dobbiamo rinsaldare le industrie energetiche, del carbone, metallurgiche, il trasporto su rotaia, per aprire così la strada dell’avanzata verso la costruzione di un paese economicamente potente. Mettendo in pratica la linea del Partito di dare importanza alla scienza e alla tecnologia, dobbiamo andare avanti con le scienze e le tecnologie d’avanguardia, e portare la scienza e la tecnologia del paese ad un livello più alto. Tutti i settori dell’economia nazionale devono fattivamente spingere in avanti la modernizzazione delle fabbriche e delle imprese come richiesto dall’era delle tecnologie informatiche, basandosi sulle ultime innovazioni scientifiche e tecnologiche.
Dobbiamo migliorare la gestione dell’economia socialista. Nella gestione dell’economia è essenziale osservare strettamente i principi socialisti, per applicare correttamente il metodo di gestione collettivo, per rafforzare la direzione centrale e coordinata dello Stato e, su queste basi, dare il massimo rilievo alla creatività delle unità di base. Dobbiamo utilizzare al massimo ed effettivamente tutto il potenziale e tutte le risorse nascoste sul principio dell’autosufficienza e così incrementare la costruzione della potenza economica basandoci sui nostri sforzi, sulle nostre tecnologie e sulle nostre risorse.
Dobbiamo sviluppare globalmente l’educazione, il servizio sanitario, l’arte, la letteratura e ogni altro campo della cultura socialista. Dobbiamo addestrare i nostri talenti in gran numero e con maggiore qualità, dare più rilievo ai vantaggi del sistema di salute pubblica orientato sul popolo incrementando il lavoro di informazione sulla salute pubblica ed anche far fiorire le arti e la letteratura di tipo Juché, ovvero le arti e la letteratura dell’era del Songun.
Incrementando l’avanzata generale della rivoluzione del Songun, dobbiamo costruire un grande paese socialista prospero e potente e così realizzare una decisiva vittoria nell’adempimento della causa del Presidente Kim Il Sung, la causa socialista del Juché.
La riunificazione è il compito supremo della nazione coreana, e non può sopportare ulteriori ritardi. La nazione coreana, che ha mantenuto continuamente le sue tradizioni come nazione omogenea attraverso la storia, è stata divisa tra nord e sud per oltre 60 anni. Dobbiamo riunificare il paese al più presto possibile, mettendo così fine alla tragica storia della divisione nazionale e preparare la strada per lo sviluppo comune e per la prosperità del paese e della nazione. Le bandiere che la nostra nazione deve tenere alte per raggiungere la riunificazione indipendente del paese sono la Dichiarazione Congiunta Nord-Sud de 15 Giugno e la Dichiarazione del 4 Ottobre. Queste dichiarazioni sono dichiarazioni di indipendenza nazionale e di grande unità nazionale. Esse sono il grande programma della riunificazione nazionale. Il punto di vista e l’attitudine verso queste storiche dichiarazioni costituiscono uno standard tramite il quale si distingue lo scontro dalla collaborazione, la riunificazione dalla divisione tra nord e sud. Chiunque desideri ardentemente la riunificazione nazionale deve appoggiare queste dichiarazioni e metterle fedelmente in pratica. L’ideale alla base della riunificazione nazionale, come espresso nelle dichiarazioni, è “dalla nostra nazione stessa”, che in sintesi, è l’ideale dell’indipendenza nazionale, l’ideale dell’unità nazionale. Tutti i compatrioti del nord, del sud e all’estero devono raggiungere l’unità nazionale sul principio dell’indipendenza nazionale, sconfiggere tutte le manovre delle forze contrarie alla riunificazione e portare a compimento la causa della riunificazione nazionale, senza fallire, attraverso gli sforzi comuni della nazione coreana stessa.
Dobbiamo compiere grandi sforzi per per espandere e sviluppare le relazioni estere del paese e realizzare l’indipendenza globale. Il governo della nostra Repubblica deve condurre celermente le sue attività esterne, in accordo con gli ideali di indipendenza, pace e amicizia e come richiesto dalla situazione, così da incrementare il numero dei sostenitori e dei simpatizzanti della nostra rivoluzione, e creare un ambiente internazionale favorevole alla costruzione di una nazione socialista grande, prospera e potente e raggiungere l’unificazione nazionale. Rafforzando l’amicizia e l’unità con tutti i paesi e i popoli progressisti che aspirano all’indipendenza, dobbiamo ingaggiare una vigorosa lotta per frustrare le politiche di guerra e le mosse egemoniche delle forze d’aggressione imperialiste, difendere la pace e realizzare l’indipendenza globale.
Al fine di adempire alla loro missione e al loro compito nei confronti dei tempi e della rivoluzione, è importante per il Partito e per lo Stato che il governo della Repubblica sia rafforzato e che il suo ruolo venga accresciuto.
Dobbiamo mettere in pratica le idee e le teorie del Presidente Kim Il Sung sull’edificazione dello Stato e la linea del nostro Partito sull’edificazione dello Stato nell’era del Songun, sviluppando così il governo della Repubblica. Il governo della Repubblica, basato sulle linee guida e sulle politiche del Partito, deve consolidare e sviluppare il nostro Stato e il sistema sociale, e portare avanti con forza il lavoro della costruzione e della rivoluzione. Gli organi del governo popolare e i loro dirigenti devono adempire alla loro missione e alle loro responsabilità e svolgere il loro compito come servitori del popolo facendo ulteriori passi avanti nel loro stile e nel loro metodo di lavoro, come richiesto dai tempi e dalla rivoluzione nel suo sviluppo.
Il Partito del Lavoro di Corea è la suprema organizzazione politica che guida la nostra società, e la sua leadership è la principale garanzia di tutte le vittorie del paese e del popolo. Dobbiamo fermamente instaurare il sistema di direzione monolitica in tutto il Partito, consolidare ulteriormente l’unità e la coesione del Partito, costruirne i ranghi organizzativamente e ideologicamente, sviluppare le funzioni e il ruolo delle sue organizzazioni, così da incrementarne le capacità organizzative, combattive e la sua forza in ogni modo possibile. Dobbiamo assicurare la direzione generale del Partito sulla rivoluzione e sulla costruzione. Dobbiamo instaurare la direzione monolitica del Partito in tutta la società per assicurare che ogni lavoro nella rivoluzione e nella costruzione sia condotto sulle basi delle linee e delle politiche del Partito ed in accordo con le idee e le intenzioni del Partito. In particolare, le organizzazioni di Partito devono dare agli organi del governo popolare una guida politica effettiva, in altre parole, una guida basata sulla politica, e dare loro supporto attivo per aiutarli a portare a termine i loro compiti.
La nostra Repubblica è un grande traguardo della rivoluzione del Juché, e il governo della Repubblica è una potente arma nella rivoluzione e nella costruzione. Il governo della Repubblica deve mandare avanti la rivoluzione e la costruzione con maggiore vigore sotto la direzione del Partito basata sul Songun, portando così a termine la causa del Presidente Kim Il Sung, la causa rivoluzionaria del Juché.